Archivi della categoria: Primo piano

Un testo dell'Ufficio per i Problemi sociali e il Lavoro, la Pace e la salvaguardia del Creato

Dai vescovi una preghiera per la Sicilia che brucia

I Vescovi delle diciotto diocesi di Sicilia chiedono a tutte le comunità di pregare all’unisono domenica 15, Solennità di Maria SS. Assunta, avendo davanti agli occhi gli incendi che da giorni interessano l’Isola e nel cuore le conseguenze – talvolta tragiche – che tali gesti sconsiderati hanno sulla popolazione e sull’ambiente.

L’Ufficio regionale per i Problemi sociali e il Lavoro, la Giustizia, la Pace e la Salvaguardia del Creato, del quale è delegato mons. Giuseppe Marciante, vescovo di Cefalù, ha predisposto un testo di preghiera dei fedeli che ha raggiunto tutte le parrocchie, le comunità religiose e i sacerdoti.

Si prega per “le popolazioni dilaniate dagli incendi e dai disastri ambientali“, “per quanti hanno subito danni a causa degli incendi” e si chiedono “programmi coraggiosi per la salvaguardia del creato” da un lato e “caparbietà” nell’affrontare il disagio e “speranza” nell’impegno per la ricostruzione dall’altro.

La Chiesa di Sicilia prega anche “per i piromani e quanti si macchiano dei delitti contro il creato e l’umanità: la bellezza della vergine Maria, splendore della santa città di Dio – si legge nella preghiera dei fedeli –, li inquieti e li strugga perché si pentano del male commesso e si convertano a una vita vera secondo il Vangelo“.

 

Ecco di seguito il testo di preghiera dei fedeli, scaricabile anche in formato pdf.

ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Fratelli e Sorelle, nella celebrazione odierna splende la luce dellaPasqua: Maria, immacolata nella sua concezione e intatta nel partodivino, è assunta in cielo in corpo e anima. Sia lei, arca della nuovaalleanza e donna vestita di sole, a sostenere la nostra supplica.

R/. Rinnova la nostra speranza, Signore.

Per la santa Chiesa pellegrina nel tempo:
sostenuta dalla Vergine Maria assunta in cielo,
possa condurre tutti a contemplare la luce del volto di Dio. Preghiamo. R/.

Per le popolazioni dilaniate dagli incendi e dai disastri ambientali:
sotto lo sguardo di Maria, Donna vestita di sole,
la comunità civile promuova la cultura dell’ecologia integrale,
programmi coraggiosi per la salvaguardia del creato. Preghiamo. R/.

Per quanti hanno subìto danni a causa degli incendi:
uniti alla Vergine Madre, consolatrice degli afflitti,
affrontino con caparbietà il disagio
e s’impegnino con speranza alla ricostruzione. Preghiamo. R/.

Per i piromani e quanti si macchiano dei delitti contro il creato e l’umanità:
la bellezza della vergine Maria, splendore della santa città di Dio,
li inquieti e li strugga perché si pentano del male commesso
e si convertano a una vita vera secondo il Vangelo. Preghiamo. R/.

Per noi qui riuniti nella celebrazione della Pasqua di Maria:
la sua materna intercessione ci faccia crescere nella fede battesimale,
ci renda credibili nella speranza pasquale,
ci sospinga nella carità operosa. Preghiamo. R/.

Accogli, o Padre la Preghiera del tuo popolo,
e fa’ che, contemplando il mistero di Maria,
associata in corpo e anima alla Pasqua del tuo Figlio,
riconosciamo in ogni persona la tua immagine
e il riflesso della tua gloria.Per Cristo nostro Signore.

R/. Amen

Incontro di fraternità sacerdotale al Santuario della Madonna delle Lacrime

“Assidui nell’unione fraterna”

Dal 1 al 3 settembre si terrà al Santuario della Madonna delle Lacrime a Siracusa un incontro di fraternità sacerdotale per tutti i sacerdoti delle Chiese di Sicilia sul tema “Il presbiterio profezia di fraternità”.

Nell’ambito dell’iniziativa della commissione presbiterale siciliana sarà celebrata anche la XXIX Giornata sacerdotale mariana.

Il tema scelto per queste giornate – ha spiegato l’arcivescovo mons. Francesco Lomanto -. prende spunto dal primo sommario degli Atti degli Apostoli che, raccontando i primi passi della Chiesa Apostolica, ci offre l’ideale della vita della Chiesa: «Erano perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere» (At 2,42). Come San Paolo anche noi trascorreremo tre giorni a Siracusa in semplicità di spirito per condividere la gioia di stare insieme e di essere sacerdoti del Signore, non come isole di un grande arcipelago, ma come fratelli che condividono la stessa fede in Dio, l’amore alla Chiesa e alla Madonna. Il nostro stare insieme, nella comunione del Signore e nella fraternità sacerdotale è profezia, testimonianza di fraternità e partecipazione alla preghiera di Gesù che pregando il Padre consegna il suo testamento di amore: «Tutti siano una cosa sola. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato» (Gv 17,21).

E’ per me motivo di gioia potervi accogliere a Siracusa, dove la Madonna ha donato alla Chiesa l’inesauribile segno delle sue Lacrime. Proprio in quei giorni sarà possibile venerare da vicino il quadretto miracoloso della Madonna delle Lacrime attraverso una pedana appositamente preparata. Mi piace concludere questa mia lettera con le stesse parole che Papa Francesco ha donato a me a Roma lo scorso 29 giugno: «Coraggio, la Madonna delle Lacrime ci custodisce».

L’arcivescovo ha invitato tutti i sacerdoti alla partecipazione come “segno di accoglienza verso i presbiteri delle Chiese siciliane“.

Il programma prevede mercoledì 1 settembre la preghiera d’inizio presieduta da mons. Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania e presidente della Conferenza Episcopale Siciliana. Dopo il saluto di don Giuseppe Argento, segretario della commissione presbiterale siciliana, l’intervento di mons. Giancarlo Bregantini, Arcivescovo di Campobasso Boiano su “Il fondamento della fraternità”. Alle 19 la celebrazione eucaristica presieduta da mons. Emil Paul Tscherrig, nunzio apostolico in Italia e concelebrata dai vescovi di Sicilia.

Giovedì 2 concelebrazione eucaristica presieduta da mons. Guglielmo Giombanco, vescovo di Patti e delegato CESi per il clero. Seguirà l’intervento di fra Giovanni Salonia, dell’Istituto Gestalt therapy Kairos. I vespri saranno presieduti da mons. Giuseppe La Placa, vescovo di Ragusa.

Venerdì 3 la celebrazione eucaristica sarà presieduta da mons. Francesco Lomanto. Seguiranno gli interventi di mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone e della prof.ssa Ina Siviglia, docente di teologia sistematica alla Pontificia facoltà teologica di Sicilia. Le conclusioni saranno di mons. Guglielmo Giombanco, vescovo di Patti.

 

 

 

 

 

Per iscriversi agli “Esercizi di fraternità presbiterale” occorre compilare in ogni sua parte la scheda in allegato e inviarla all’indirizzo email segreteriapastorale@chiesedisicilia.org. Chi partecipa da residente deve allegare anche copia del versamento, mentre i pendolari potranno versare la semplice quota di adesione direttamente a Siracusa.
Un altro modo per iscriversi è farlo direttamente dal web, compilando un apposito modulo direttamente online.
È possibile anche inserire direttamente copia del versamento.
https://forms.gle/awH7ifGEZfKdSRht6

Entrambe le modalità sono indicate anche sul sito, dove l’evento è anche presentato.
https://www.chiesedisicilia.org/2021/07/30/esercizi-di-fraternita-presbiterale-tre-giorni-attorno-alla-madonna-delle-lacrime/


Esposizione straordinaria del simulacro di Santa Lucia

Apertura della nicchia che custodisce il simulacro di Santa Lucia nella chiesa Cattedrale domenica 8, dalle ore 7.30 sino al termine della messa delle ore 19.00. Una scelta della Deputazione della Cappella di Santa Lucia che ha già visto un’esposizione straordinaria a luglio nel segno della tradizione: nei mesi estivi il simulacro di Santa Lucia viene esposto per consentire ai fedeli, soprattutto a coloro che ritornano a Siracusa, di rivolgere un saluto ed una preghiera alla patrona.

Le messe saranno celebrate alle 8.00, alle 11,30, alle 19.00.

La Deputazione, guidata dal presidente Pucci Piccione, ha disposto una serie di linee guida ed un piano di evacuazione nel rispetto delle normative covid 19. L’apertura e la chiusura della nicchia avverrà a porte aperte e con l’obbligo della mascherina. La visita al Simulacro sarà effettuata attraverso un percorso obbligato secondo le disposizioni anticovid. All’ingresso ed all’uscita ci sarà materiale igienizzante e i fedeli dovranno indossare la mascherina all’interno della Cattedrale. Saranno presenti i volontari per verificare l’osservanza delle disposizioni.
La Deputazione ha deciso che l’esposizione straordinaria si ripeterà domenica 12 settembre.
L’apertura della nicchia sarà visibile in streaming sulla pagina Facebook della Deputazione.
“Già nell’esposizione a luglio – ha detto il presidente della Deputazione della Cappella di Santa Lucia, l’avv. Pucci Piccione -. abbiamo riscontrato l’affetto da parte di tanti fedeli. Le celebrazioni eucaristiche sono state molto partecipare e tantissimi pellegrini sono entrati nella cappella per una preghiera alla martire siracusana“.

Suor Lucia, missionaria in Kenya, vittima del covid 19

La crisi di speranza nel mondo d’oggi è intimamente legata alla crisi di fede. A sua volta, la crisi di fede è legata alla crisi di amore. Parafrasando il Cantico dei cantici e ponendo l’attenzione sulla donna che il testo attribuito a Salomone descrive, notiamo la sua alta vocazione ed identità: essa è chiamata ad immettere nella storia una profonda dinamica di amore, che possa dare orientamento alle repentine trasformazioni della società attuale. Si deduce quindi che la missione della donna di oggi è quella di contribuire alle continue conquiste civili, animandole d’amore. La donna con l’amore, è la custode dell’uomo. Dell’umanità dell’uomo.

Ma la forza devastatrice del Covid-19 continua inesorabilmente a trascinare negli abissi speranze e certezze, e soprattutto spegne, sicuramente con l’approvazione divina, cuori e anime ardenti di carità. Una donna, una suora: suor Lucia Martorano, 57 anni, dopo aver lasciato tutto e seguito il Signore sulla via dell’impegno missionario, nei giorni scorsi è entrata nella luce di Cristo risorto, a Katau, in Kenya, dove risiedeva dall’undici dicembre 2001. Essendo una religiosa collegina della Sacra Famiglia, Lucia ha dedicato la sua vita ai piccoli, facendo loro da mamma e da insegnante, dove appunto a Nairobi dirigeva una scuola chiamata “Scuola Corradini”, più precisamente in inglese:“Corradini Chatolic primary school: education and formation“,  da lei iniziata nel e con il nome del suo fondatore il venerabile cardinale Pietro Marcellino Corradini, il quale nella prima metà del ‘700 a Sezze si adoperò per l’educazione delle ragazze, dando vita alle Convittrici della Sacra Famiglia, in seguito diventate Collegine della Sacra Famiglia.

Suor. Lucia, figlia del poeta dialettale sortinese Settimo Martorano, possedeva un sorriso radiante, con il quale comunicava la sua fede, conquistando la fiducia di tutti e l’amabilità. Ultimamente aveva ricevuto una “grazia “ da lei richiesta e ottenuta attraverso la bontà del Signore e la volontà virtuosa degli uomini, cioè di scavare un pozzo, vicino la scuola, affinché la sua gente e i suoi bimbi avessero acqua. Amata e conosciuta anche nella sua Sortino, paese natale, che oggi insieme alle tante suore provenienti dal paese di collina e sparse per il mondo piangono la sua scomparsa.

Molti sortinesi, specie i più giovani, non hanno conosciuto questa grande e forte donna, ma tanti adulti la ricordano con affetto e grande stima. Quando ritornava a casa per le vacanze, gioiosamente e scherzosamente invitava i conoscenti ad un viaggio in Kenya per mostrare l’opera che Dio stava compiendo per mezzo di lei.

La missione di suor Lucia si è conclusa mirabilmente, poiché ha sempre animato d’amore le sue scelte, le sue parole e le sue azioni con gli uomini e le donne che la Provvidenza le ha posto innanzi, e siamo sicuri che dovunque avesse operato, prima a Sortino e poi a Nairobi, sia sbocciata una profumata rosa d’amore di Dio per l’umanità. Fra le tante azioni missionarie svolte dalla religiosa, ci piace ricordare la soddisfazione per realizzazione dell’ultimo pozzo che ha assicurato il sostentamento alle famiglie del luogo.

Una messa in suffragio sarà celebrata lunedì 2 agosto alle ore 18.30 nella chiesa Madre di Sortino. Per suo espresso desiderio, la salma di suor Lucia riposerà in Africa, nella terra della sua missione. Alla mamma ed a tutti i familiari le più sentite condoglianze del direttore e della redazione di Cammino.

Vincenzo Maria Rio
(Da Cammino)

Incendi, delitto per la legge dell’uomo e peccato contro Dio

Gli incendi dolosi di questi giorni provocano ingenti danni al patrimonio boschivo e faunistico, creano seri problemi non solo per la distruzione di tante strutture importanti per tutta la comunità e per le famiglie, mettono in pericolo il lavoro di tante persone che lavorano nel campo della forestazione per la salvaguardia dei boschi”. Lo afferma l’arcivescovo di Monreale e vicepresidente della Conferenza episcopale siciliana, mons. Michele Pennisi, che esprime la sua solidarietà alle comunità e ai cittadini colpiti dagli incendi, che “puntualmente ogni anno si ripetono creando danni non quantificabili all’ambiente naturale e notevoli disagi agli abitanti di vari Comuni dei territori della nostra diocesi e delle diocesi siciliane”.
Dal presule il “grazie” ai Vigili del Fuoco, alle Forze dell’Ordine e alle amministrazioni comunali, ma anche ai volontari della Protezione Civile e ai comuni cittadini che “si sono adoperati per spegnere gli incendi e aiutare le persone che si sono trovate in pericolo”. “Questi incendi non sono frutto di un destino avverso al quale sottomettersi con rassegnazione, ma chiamano in causa a vari livelli la responsabilità diretta e indiretta dell’uomo – sottolinea l’arcivescovo -. È una grave colpa della cattiveria umana bruciare un patrimonio naturalistico e pensare stupidamente di distruggere ‘la casa comune’, che Dio ci ha comandato di custodire e curare. Mentre condanno simili crimini, ribadisco che appiccare volontariamente un incendio, oltre che un delitto per la legge dell’uomo, è anche un grave peccato contro Dio e la sua creazione”.
Infine, l’esortazione, a livello istituzionale e personale, a un impegno per “impedire che simili misfatti si ripetano attraverso un’opera di prevenzione e di educazione alla tutela dell’ambiente a servizio del bene comune”. Gurardando alla prossima Settimana sociale dei cattolici italiani sul tema: “Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro, tutto è connesso”, il presule invita a “puntare sul coinvolgimento delle Chiese locali e di tutte le aggregazioni laicali” per fare in modo che “gli insegnamenti di Papa Francesco nella Laudato sì’ e in Fratelli suscitino una responsabilità concreta nella custodia e nella cura del creato e nella realizzazione del progetto di una transizione ecologica che sia a servizio di uno sviluppo integrale dell’umanità”.

(Da AgenSir)

Feste patronali, in vigore restrizioni anti covid

Nessun cambiamento di rilievo è intervenuto circa le restrizioni anti Covid-19 già date nel corso dell’ultimo anno per le feste patronali“. Lo ha scritto il vicario generale, mons. Sebastiano Amenta, ribadendo quanto già scritto nell’aprile e nel maggio scorso. Il vicario ha sottolineato che:

  • è tuttora in vigore il decreto dell’Episcopato Siciliano emanato nel mese di giugno del 2020 circa la sospensione di tutte le processioni esterne, ivi comprese pellegrinaggi ed ogni forma di manifestazioni religiose che provochino assembramenti.
  • sono tuttora in vigore le prescrizioni circa il distanziamento interpersonale ed il numero massimo di fedeli che possono essere ammessi in chiesa specie durante le celebrazioni liturgiche così come gli obblighi di igienizzazione delle mani già all’ingresso, della mascherina e della sanificazione degli ambienti;
  • sia evitata ogni forma alternativa di processione/manifestazione come – ad esempio – esporre i simulacri dei Santi sui sagrati o al portone centrale delle chiese o traslare gli stessi con automezzi o altri apparati meccanici di locomozione lungo le vie cittadine. 

A margine della presente, mi permetto di citare, ad esempio, i recenti festeggiamenti in onore di San Paolo Apostolo a Palazzolo Acreide che sono stati organizzati e gestiti nell’osservanza delle regole date, con il servizio d’ordine e la celebrazione di SS. Messe in numero adeguato al notevole afflusso di pellegrini – ha spiegato mons. Amenta –.Con la sua Lettera sulla pietà popolare, data il 18 aprile scorso dal nostro Arcivescovo circa le Feste patronali, mons. Lomanto ci ha indicato la via da percorrere.
Ne cito solo un brano: «…anche quest’anno non sarà possibile esprimere la nostra devozione con le processioni religiose esterne, ma certamente potremo intensificare la preghiera con la pratica sacramentale della Confessione e della Comunione, con i gesti concreti di carità e di vicinanza verso chi è in difficoltà. Ad imitazione dei nostri padri, accorriamo all’altare del Signore con animo penitente ed orante, elevando al Cielo suffragi per quanti sono morti a causa dell’epidemia o di altri mali che affliggono la nostra vita».

Giornata mondiale dei nonni e degli anziani

Domenica prossima sarà celebrata la prima Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani dal titolo “Io sono con te tutti i giorni” (cfr Mt 28,20). Essa si colloca al centro dell’anno che il Santo Padre ha dedicato alla Famiglia in occasione del quinto anniversario dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia. Non si tratta di un caso, ma di una scelta che nasce dalla consapevolezza di come gli anziani – tutti gli anziani, anche quelli che non sono nonni – abbiano bisogno di un ambiente familiare in cui vivere e di come sia necessario che le famiglie prendano coscienza del ruolo che essi dovrebbero avere al loro interno, di “custodire le radici, trasmettere la fede ai giovani e prendersi cura dei piccoli”. (Papa Francesco)

Anche nella nostra diocesi – spiegano mons. Salvatore Marino ed i coniugi Maria Grazia e Salvatore Cannizzaro dell’Ufficio per la pastorale della Famiglia – ci auspichiamo che la celebrazione della prima Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani sia vissuta come un momento di festa che coinvolga tutte le famiglie e le comunità parrocchiali, là dove possibile raggiungendo anche le case di riposo, affinché tutti i nostri anziani possano percepire la nostra vicinanza e il nostro affetto“.

 

 

 

 

In allegato il messaggio di Papa Francesco per la prima Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani; la Preghiera; il Sussidio liturgico; Indicazioni pastorali.


Esposizione straordinaria del simulacro di Santa Lucia

La Deputazione della Cappella di Santa Lucia ha deciso l‘apertura della nicchia nella chiesa Cattedrale per domenica 11, dalle ore 7.30 sino al termine della messa delle ore 19.00.

Una scelta nel segno della tradizione: nei mesi estivi il simulacro di Santa Lucia viene esposto per consentire ai fedeli,
soprattutto a coloro che ritornano a Siracusa, di rivolgere un saluto ed una preghiera alla patrona.

Le messe saranno celebrate alle 8.00, alle 11,30, alle 19.00.

La Deputazione, guidata dal presidente Pucci Piccione, ha disposto una serie di linee guida ed un piano di evacuazione nel rispetto delle normative covid 19. L’apertura e la chiusura della nicchia avverrà a porte aperte e con l’obbligo della mascherina. La visita al Simulacro sarà effettuata attraverso un percorso obbligato secondo le disposizioni anticovid. All’ingresso ed all’uscita ci sarà materiale igienizzante e i fedeli dovranno indossare la mascherina all’interno della Cattedrale. Saranno presenti i volontari per verificare l’osservanza delle disposizioni.
La Deputazione ha deciso che l’esposizione straordinaria si ripeterà domenica 8 agosto e domenica 12 settembre.
L’apertura e la chiusura della nicchia saranno visibili in streaming sulla pagina Facebook della Deputazione.
Sarà con noi anche Francesco – ha detto il presidente della Deputazione della Cappella di Santa Lucia, l’avv. Pucci Piccione -. La sua presenza è per noi motivo di gioia. Francesco, 12 anni, è uno di noi, sempre presente all’apertura della nicchia di Santa Lucia ed appassionato devoto della Nostra Patrona. La Deputazione della Cappella di Santa Lucia è stata accanto al papà Antonio ed a tutta la famiglia ed ha invitato ad un segno di solidarietà durante la festa del Patrocinio. Ricordo che Francesco nel 2018 è stato investito mentre attraversava sulle strisce pedonali. Abbiamo promosso una raccolta fondi per aiutarlo in un delicato intervento che si è svolto nei mesi scorsi a Roma per una grave deformazione dell’articolazione. L’intervento è andato bene, ci sono ottime possibilità che possa tornare a rivivere le sue passioni: Santa Lucia ed il calcio“.

Sospensione processioni, mons. Di Pietro: riscopriamo le feste

La proroga della sospensione delle processioni “è motivo di rammarico“, ma deve essere occasione propizia per “approfondire le radici spirituali delle feste, per interiorizzarne le motivazioni profonde” attraverso specifici momenti di preghiera da vivere nelle comunità. Così mons. Cesare Di Pietro, vescovo ausiliare di Messina – Lipari – S. Lucia del Mela e delegato CESi per la Liturgia, sulla decisione della Conferenza episcopale siciliana “in merito alla opportunità e/o possibilità di ripresa delle processioni”.

Nel Comunicato finale della Sessione straordinaria di lavoro dello scorso 30 giugno la Conferenza dei Vescovi di Sicilia ha confermato la sospensione delle processioni in occasione delle feste religiose adottata lo scorso anno per il rispetto delle norme sanitarie anti COVID-19.

«In merito alla opportunità e/o possibilità di ripresa delle processioni, i Vescovi convengono che non potendosi assicurare, per lo svolgimento delle processioni, il rispetto delle misure precauzionali determinate dalle autorità sanitarie, civili e religiose, così come previste dal Decreto Legge n. 65 del 18 maggio 2021 e della successiva circolare applicativa del Ministero dell’Interno del 19 maggio 2021, relativa alle norme per il contenimento della diffusione del Covid-19, si conviene di confermare la sospensione delle processioni fino a nuovo provvedimento della stessa Conferenza, così come stabilito nella sessione straordinaria della CESi dell’11 maggio 2020; risoluzione confermata nella sessione autunnale, svoltasi in data 8-10 ottobre 2020». Pertanto, non è prevista nessuna possibilità di deroga o di modifica della regolamentazione già data.

Ribadendo che questa forma di pietà popolare è “fonte preziosa di spiritualità che sta a cuore ai Pastori“, mons. Di Pietro spiega che “era doveroso sospendere al momento presente le processioni per il rispetto della normativa anti Covid“, ma invita i fedeli delle Chiese di Sicilia a fare della mancanza opportunità fruttuosa: “Auspico un ritorno alla normalità il più celere possibile – dice il vescovo delegato per la Liturgia –, ma auspico anche una profonda interiorizzazione delle feste che ne promuova gli aspetti spirituali più intimi e profondi, e quindi più fecondi di bene per tutti“.

(Da chiesedisicilia.org)

 

Mons. Lomanto ha ricevuto il Pallio da Papa Francesco

L’arcivescovo mons. Francesco Lomanto ha ricevuto questa mattina il Pallio, segno della dignità Metropolitana. Mons. Lomanto si è unito alla concelebrazione eucaristica presieduta da Papa Francesco, nella Basilica Vaticana, nella Festa dei SS. Pietro e Paolo.

In particolare l’arcivescovo ha letto il giuramento ed è stato concelebrante accanto al Pontefice.

Nell’occasione il Papa ha benedetto il Pallio, destinato al titolare della nostra sede arcivescovile. Il Pallio è il simbolo del legame speciale dell’arcivescovo di Siracusa con il Papa ed esprime la potestà che, in comunione con la Chiesa di Roma, il nostro arcivescovo, in quanto Metropolita, acquista di diritto nella propria giurisdizione. Sempre oggi, l’arcivescovo ricorda il 35esimo anniversario di ordinazione sacerdotale.

Papa Francesco, subito dopo la messa, ha consegnato il pallio ad ogni arcivescovo: mons. Lomanto è stato il primo a riceverlo: “Coraggio la Madonna delle Lacrime la custodisce” sono state le parole rivolte dal Santo Padre al nostro arcivescovo.

“E’ stata una grande emozione nel segno della chiamata alla volontà del Signore che ti conduce, ti guida e ti vuole al suo servizio – ha detto mons. Lomanto -. E’ il segno dell’unità con la fede di Pietro nel dono della propria vita come ha detto il Papa. Donarsi totalmente al Signore in unità al successore degli apostoli”. 

Papa Francesco ha voluto, dal 2015, modificare le modalità di conferimento di questa sacra insegna che non viene più imposta direttamente dal Santo Padre, ma solo ricevuta dalle Sue mani in forma privata al termine della concelebrazione. Sarà il rappresentante pontificio in Italia, il Nunzio apostolico mons. Emil Paul Tscherrig, ad imporlo nomine Summi Pontificis a Mons. Lomanto nella concelebrazione conclusiva dei festeggiamenti in onore della Madonna delle Lacrime programmata per il prossimo 1 settembre nel Santuario della Madonna delle Lacrime.