Archivi della categoria: Primo piano

Preghiera per la custodia del creato

I cristiani si uniscono nella preghiera, nella riflessione e nell’impegno comune per rinnovare la propria relazione con Dio e la Creazione. Una preghiera per la custodia del creato è in programma per venerdì 1 ottobre alle ore 18.30 alla Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime. 

L’iniziativa dell’Ufficio per la pastorale della cultura, dell’Ufficio per la pastorale sociale, del lavoro e la salvaguardia del creato e dell’Ufficio Missionario si svolgerà nello spazio all’aperto antistante la cripta del tempio mariano. Un momento di preghiera con una lettura biblica, canti ed invocazioni.

La Giornata nazionale per la Custodia del Creato vede la Chiesa che è in Italia in cammino verso la 49 Settimana Sociale dei cattolici italiani, che avrà per titolo «Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro. #tuttoèconnesso». La strada che conduce a Taranto richiede a tutti un supplemento di coinvolgimento perché sia un percorso di Chiesa che intende camminare insieme e con stile sinodale. La speranza che ci muove alla cura del bene comune si sposa – sottolinea l’Instrumentum Laboris – con un forte senso di urgenza: occorre contrastare, presto ed efficacemente, quel degrado socio-ambientale che si intreccia con i drammatici fenomeni pandemici di questi anni. «Il cambiamento climatico continua ad avanzare con danni che sono sempre più grandi e insostenibili. Non c’è più tempo per indugiare: ciò che è necessario è una vera transizione ecologica che arrivi a modificare alcuni presupposti di fondo del nostro modello di sviluppo» (IL, n. 20).

Di qui l’invito a una transizione che trasformi in profondità la nostra forma di vita, per realizzare a molti livelli quella conversione ecologica cui invita il VI capitolo dell’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco.

L'arcivescovo Francesco Lomanto scrive alla comunità scolastica

“Percorrete questo tragitto con consapevolezza”

Fate in modo di vivere questo tempo con intensità e slancio, non siate come chi va in giro senza una meta, ma percorrete questo tragitto con la consapevolezza di chi sa che ognuno dei vostri giorni è un dono che Dio vi fa, perché possiate edificare il vostro futuro guardando non soltanto alla vostra realizzazione, ma al bene di tutta la Comunità. Dalle vostre fila verranno fuori quelle professionalità che, a vario titolo, sono state indispensabili in questo tempo di pandemia e quelle che sempre giovano al bene comune“. Lo scrive l’arcivescovo di Siracusa, mons. Francesco Lomanto nel suo messaggio al mondo della scuola all’inizio dell’anno scolastico.

E’ la prima volta che da Pastore della Chiesa di Siracusa, mons. Lomanto si rivolge alla comunità scolastica. “Immagino quante attese ed emozioni possano abitare i vostri cuori, nel momento in cui vi accingete a tornare “fra i banchi”. In particolar modo, mi metto nella situazione di chi, fra voi, inizia un nuovo ciclo scolastico, di chi si appresta a vivere la novità di una realtà ancora sconosciuta, con quello stupore che è proprio di voi giovani. Ma quest’anno è un “nuovo inizio”, un po’ per tutti voi. Molti, infatti, in ragione della pandemia, sono stati costretti, lo scorso anno, a svolgere la didattica a distanza. Questa, pur essendo una modalità operativa che ha consentito di contenere, ad un tempo, i rischi del contagio e quelli che sarebbero derivati da una cessazione tout court delle lezioni, ha certamente comportato il venir meno della realtà delle relazioni fra compagni di cammino. La realtà virtuale ha preso il posto di quella quotidianità che è fatta di sguardi, di sorrisi, di incontri che lo schermo di un computer non può, a lungo andare, sostituire.

Nella sua Prima Lettera, San Giovanni, scrive così: “Ho scritto a voi, giovani perché siete forti” (1Gv 2,14b). E anch’io, oggi, faccio eco a questa frase della Sacra Scrittura. Siete forti perché con la vostra costanza e la vostra determinazione siete riusciti, con l’aiuto dei vostri familiari e dei vostri docenti, a superare un anno per nulla facile; avete sviluppato delle potenzialità forse a voi ignote, avete probabilmente compreso la bellezza di quelle cose semplici che ordinariamente sottovalutiamo. Ma quando l’ordinarietà ci è tolta, quando, per una qualsiasi ragione, ci viene sconvolta, è allora che iniziamo ad apprezzare le cose di ogni giorno, quel tesoro che è nascosto nella vita ordinaria. Tornate, dunque, oggi alla didattica in presenza, alla tanto agognata “normalità” che, con le necessarie cautele che dovremo continuare a osservare, vi consentirà di vivere quella concreta esperienza di fraternità che si costruisce fra i banchi di scuola. Sono anni bellissimi quelli che vivete: gli anni della formazione dell’intelletto, dello sviluppo della persona, della costruzione di amicizie che vi porterete per tutta la vita, dell’apertura del cuore, delle scelte generose e ambiziose. Sono gli anni meravigliosi della scuola“.

Mons. Lomanto si è rivolto anche ai docenti, al personale non docente e alle famiglie degli studenti: “Anzitutto un ringraziamento per la bella testimonianza che avete dato, durante le restrizioni causate dalla pandemia, nel ripensare alle modalità del rapporto con i vostri studenti, nel riorganizzare le modalità della proposta educativa, nel “buttare il cuore al di là dell’ostacolo”. Così facendo avete dimostrato che l’educazione non è un qualsiasi “mestiere”, ma è, piuttosto, una missione, la risposta a una vocazione e che i beni in gioco sono talmente grandi da non poter essere trascurati, quale che sia il costo da pagarne. Al riguardo, vorrei raccomandarvi di aver sempre presente che il Signore ha posto nelle vostre mani ciò che è a Lui più caro: i bambini, i ragazzi, i giovani.
La Sacra Scrittura è chiara nel porre questi a modello dei cristiani e a condannare chi non ne abbia rispetto. Voi, insieme alle famiglie, svolgete il primario ruolo dell’educazione, ossia del trarre fuori, da chi è affidato alla vostra cura, il meglio: ciò che è meglio per ciascuno di loro, ciò che è meglio per la Società nel suo complesso.
Su tutti voi – ha concluso l’arcivescovo – invoco la benedizione del Signore, il datore di ogni bene, perché possa consentirvi di vivere con intensità questo anno scolastico, perché vi dia la grazia di sperimentare un’autentica fraternità, perché possiate crescere in sapienza, ponendo oggi le basi per un mondo più fraterno e più orientato al bene“.

 


Esposizione del simulacro di Santa Lucia

Ultima esposizione straordinaria simulacro Santa Lucia nel periodo estivo. Domenica 12, apertura della nicchia che custodisce il simulacro di Santa Lucia nella chiesa Cattedrale, dalle ore 7.30 sino al termine della messa delle ore 19.00.
Nei mesi estivi il simulacro di Santa Lucia viene esposto per consentire ai fedeli, soprattutto a coloro che ritornano a Siracusa, di rivolgere un saluto ed una preghiera alla patrona. La Deputazione della Cappella di Santa Lucia ha deciso tre esposizioni straordinarie a luglio, agosto ed a settembre.

Le messe saranno celebrate alle 8.00, alle 11,30, alle 19.00.
La Deputazione, guidata dal presidente Pucci Piccione, ha disposto delle linee guida ed un piano di evacuazione nel rispetto delle normative covid 19. L’apertura e la chiusura della nicchia avverrà a porte aperte e con l’obbligo della mascherina.
La visita al Simulacro sarà effettuata attraverso un percorso obbligato secondo le disposizioni anticovid. All’ingresso ed all’uscita ci sarà materiale igienizzante e i fedeli dovranno indossare la mascherina all’interno della Cattedrale. Saranno presenti i volontari per verificare l’osservanza delle disposizioni.

L’apertura della nicchia sarà visibile in streaming sulla pagina Facebook della Deputazione.
Le esposizioni straordinarie – ha detto il presidente della Deputazione della Cappella di Santa Lucia, l’avv. Pucci Piccione – sono un momento atteso dai tanti devoti. Le celebrazioni eucaristiche sono state molto partecipate. Ci prepariamo adesso alla festa di dicembre, non sappiamo con quante e quali limitazioni ma con una grande devozione “.

Presentato a Venezia il progetto sulla martire siracusana

Divina Lux, dentro la commedia con gli occhi di Lucia

Presentato alla 78esima Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica di Venezia il progetto “Divina Lux, dentro la commedia con gli occhi di Lucia”, il film sui luoghi simbolo di Santa Lucia in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Il progetto vuole esplorare il legame che unisce indissolubilmente Dante Alighieri e Santa Lucia Vergine e Martire di Siracusa attraverso la realizzazione di un film ambientato nei tre luoghi simbolo ad essa consacrati: la Sicilia, la Puglia e il Veneto. Un percorso di trascendenza all’interno delle tre cantiche della Divina Commedia, vista e raccontata con gli occhi di Lucia, in cui la storia della Santa protettrice degli occhi e del peregrinaggio delle sue sacre spoglie per il Mediterraneo si alternerà al suo fondamentale ruolo nel viaggio ultraterreno del Sommo Poeta tra Inferno, Purgatorio e Paradiso. “Divina Lux” vuole mettere in luce un argomento sinora poco esplorato nell’analisi critica della Divina Commedia, ovvero il forte legame che unisce Dante e Lucia, ponendo le basi di un progetto europeo che metta in connessione tutte le realtà che sono collegate al culto e alla tradizione di Santa Lucia.

La presentazione del progetto, , candidato all’ “Avviso per la concessione di contributi a progetti speciali per il cinema e l’audiovisivo – 2021″ del ministero della Cultura con il supporto della Regione Veneto, della Regione Sicilia e della Regione Puglia, ha rappresentato il primo tavolo istituzionale d’incontro fra gli enti coinvolti nel progetto, ovvero la Regione Veneto, la Regione Sicilia, la Regione Puglia, il Patriarcato di Venezia, l’Arcidiocesi di Siracusa, il Comune di Siracusa, il Comune di Venezia ed Euforica APS.

Sono intervenuti come relatori Fausta Bressani, Direttore dell’Assessorato ai Beni, Attività Culturali e Sport della Regione Veneto; Antonio Triolo, capo della Segreteria Particolare dell’Assessorato ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Sicilia; Anna Maria Candela, Dirigente del Servizio Promozione e Sviluppo delle Economie Culturali della Regione Puglia; arch. don Gianmatteo Caputo, Direttore dell’Ufficio Promozione dei beni culturali e dell’Ufficio Pastorale del Turismo del Patriarcato di Venezia e Rettore del Santuario di Lucia in Venezia; Giuseppe Piccione, Delegato dell’Arcidiocesi di Siracusa, del Comune di Siracusa e Presidente della Deputazione della Cappella di Santa Lucia di Siracusa; Giovanni Oliva, Presidente di Euforica APS.

Esercizi di fraternità presbiterale al Santuario

“Chiamati ad essere testimoni di comunione”

Il Signore ha suggerito questo incontro a chi con tanto impegno lo ha pensato, voluto e organizzato. […] Il Signore non si limita a farci progettare cose buone, ma ci accompagna nella loro esecuzione. Questo ci offre la possibilità di iniziare da Lui e di giungere con Lui alla conclusione. Iniziare da Lui alla luce della parola ascoltata”. Con queste parole monsignor Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania e Presidente della Conferenza episcopale siciliana, ha aperto gli “Esercizi di fraternità presbiterale”, promossi a Siracusa (01 – 03 settembre 2021) dalla Commissione presbiterale siciliana.

“ASSIDUI NELL’UNIONE FRATERNA”: I SACERDOTI DI SICILIA IN ESERCIZIO DI FRATERNITÀLa preghiera nel Santuario dedicato alla Madonna delle lacrime ha dato il via all’incontro. Ai presbiteri giunti dalle diciotto diocesi di Sicilia mons. Salvatore Gristina, nella preghiera iniziale così ha detto: “Carissimi fratelli, ci riempie di gioia e di consolazione vederci compresi nella preghiera che Gesù rivolge al padre: Gesù ha pregato e intercede per noi. Egli ha chiesto al Padre la nostra unità, quella stessa unità che c’è tra Lui e il Padre: “Come tu, Padre, sei in me ed io in te, siano anch’essi in noi…”. Quanto vivremo insieme mira proprio a questo: la fraternità presbiterale. Non una idea campata in aria, ma la più concreta possibile, con tutta la ricchezza di sentimenti e di gesti di cui, spinti dallo Spirito Santo, siamo capaci”.

“ASSIDUI NELL’UNIONE FRATERNA”: I SACERDOTI DI SICILIA IN ESERCIZIO DI FRATERNITÀIl primo intervento previsto nel programma è stato quello di mons. Giancarlo Bregantini, arcivescovo di Campobasso – Boiano che ha guidato la riflessione sul tema “I fondamenti della fraternità”, scegliendo tra le pagine bibliche che ne parlano e i racconti che la descrivono la storia di Giuseppe venduto dai fratelli. Qui, secondo il relatore, è possibile individuare tre passaggi: mons. Bregantini ha detto della “rottura della fraternità per la cattiveria e la gelosia dei fratelli cui si aggiungono sventure personali”, della “ricomposizione della fraternità tramite un cammino educativo, complesso e articolare, ma carico di insegnamenti per noi, oggi” e dello “sfondo“, nel quale “vi è sempre la figura del padre, in questo caso Giacobbe, cui era stato strappato il figlio e a cui, tutti insieme, torneranno“.

Per mons. Bregantini, il primo passaggio, quello della rottura, “ci aiuta a capir le nostre divisioni, quando anche noi gettiamo nella cisterna i nostri fratelli“. Nella “tappa della ricomposizione”, per il presule “protagonista è Giuseppe, giovane maturato nella sofferenza dell’esclusione, poiché venduto, calunniato, dimenticato in carcere. Ma la Sapienza divina – ha detto mons. Bregantini ai presbiteri siciliani – è scesa con lui in carcere e lo ha accompagnato. Ha appreso, ha pregato, ha sofferto ed ha capito che c’è una sola via per ricostruire la fraternità: uscire insieme con i suoi fratelli. In stile sinodale, da lui educati progressivamente. Tutti i si e fanno un vero cammino sinodale: Giuseppe e i suoi fratelli“. Parlando della figura del padre, l’arcivescovo ha detto delle lacrime “all’inizio di dolore per la fraternità spezzata” e “di gioia al termine del cammino della fraternità. Giuseppe è il Goèl, perché ha compreso il dolore e il ruolo del padre Giacobbe“.

A concludere la giornata la celebrazione eucaristica ai piedi del Santuario della Madonna delle lacrime presieduta dal nunzio apostolico mons. Emil Paul Tscherrig, nunzio apostolico in Italia.

A concelebrare i vescovi di Sicilia. Durante la celebrazione, trasmessa in diretta dall’arcidiocesi, è stato imposto il pallio all’arcivescovo di Siracusa, mons. Francesco Lomanto, in segno di speciale legame con il Papa.

 

CLICCA E GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

 

“ASSIDUI NELL’UNIONE FRATERNA”: I SACERDOTI DI SICILIA IN ESERCIZIO DI FRATERNITÀAncora con la preghiera comunitaria e la celebrazione eucaristica è stato avvio alla seconda giornata di “Esercizi di fraternità presbiterale”. A presiedere, nella cripta del Santuarii, mons. Guglielmo Giombanco, vescovo di Patti e delegato CESi per il clero. “Celebriamo l’Eucaristia in questo Santuario dove la Vergine Madre ha posto il segno della sua presenza. Lei ci accoglie con la sua tenerezza materna – ha detto – e, come fece con gli Apostoli, dopo la Pentecoste condivide il nostro cammino di presbiteri della Chiesa. I giorni che stiamo vivendo sono una feconda opportunità per crescere tutti nella comunione fraterna ed essere assidui artefici di unità nelle comunità presbiterali alle quali apparteniamo“. E ancora: “Abbiamo bisogno della luce dello Spirito per conoscere Dio e chi conosce Dio, ama e chi ama diviene tessitore di fraternità“. Fraternità che è strada “per vivere in modo degno la vocazione che abbiamo ricevuto“.

“ASSIDUI NELL’UNIONE FRATERNA”: I SACERDOTI DI SICILIA IN ESERCIZIO DI FRATERNITÀLa riflessione della giornata centrale di lavori è stata affidata a padre Giovanni Salonia, ofm, fondatore dell’Istituto Gestalt. Il tema proposto è stato “Mi prendo cura di te”, un “prendersi cura fraterno tra presbiteri” che, ha detto ai presbiteri di Sicilia, è “una novitas rispetto al prendersi cura ‘paterno’ cui siamo stati formati e che abitualmente viviamo“. E ha spiegato: “Da anni – lo sappiamo – si registra, a tutti i livelli, un interesse per la fraternità presbiterale, risvegliato dal Concilio Vaticano II. […] La novitas consiste qui nel descrivere in modo puntuale le differenze qualitative (non quantitative) tra l’essere amici e l’essere/sentirsi  fratelli. A cominciare dal fatto che – come si sa – essere amici è una scelta;  mentre fratelli lo si è: ed il compito è per l’appunto sentirsi fratelli.  La terza ispirazione di queste giornate è il Santuario della Madonna delle Lacrime: ricollocarsi nel grembo di Maria che soffre, dell’Addolorata rigenera ogni fraternità e, in particolare, quella presbiterale“.  Nel corso del suo intervento, padre Salonia ha proposto “tre riletture:  La fraternità presbiterale   Il prendersi cura dell’altro da fratello  La Madonna delle lacrime, Madre della fraternità“.

Nel corso dei lavori, sono state proposte due esperienze di fraternità presbiterale che hanno permesso ai partecipanti di incarnare quanto è stato proposto nelle due relazioni. La prima esperienza di vita fraterna è stata presentata dai Piccoli fratelli di Jesus Caritas di Charles de Foucauld. I Piccoli fratelli cercano di regolare le attività apostoliche in modo da non compromettere la vita fraterna. Il loro servizio è reso come fraternità anche se ciascuno di loro può avere responsabilità particolari. Sono intervenuti: padre Gabriele Faraghini, attualmente rettore del Pontificio Seminario Romano Maggiore, e padre Paolo Maria Barducci, priore dell’abbazia di Sassovivo, a Foligno.

La seconda esperienza di vita fraterna è stata presentata da don Matteo Cavani e don Andrea Garuti, presbiteri della diocesi di Modena – Nonantola. Hanno raccontato la loro esperienza: sono dodici presbiteri che vivono insieme, nella stessa casa, pur avendo incarichi e compiti diversi.

“Le età della fraternità” è stato il tema della terza ed ultima giornata di Esercizi di fraternità spirituale. Lo hanno sviluppato da mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone, e da Ina Siviglia, docente di Teologia sistematica presso la Pontificia Facoltà teologica di Sicilia.

“ASSIDUI NELL’UNIONE FRATERNA”: I SACERDOTI DI SICILIA IN ESERCIZIO DI FRATERNITÀLa celebrazione eucaristica dell’ultima sessione di lavori è stata presieduta dall’arcivescovo di Siracusa, mons. Francesco Lomanto, il quale ha esortato i presbiteri al “servizio di amore per i fratelli, che abbia quella caratteristica che il salmo ci ha suggerito facendoci cantare ‘Servite il Signore con gioia’“, a quell’unità che “noi non creiamo, ma che siamo chiamati a compiere, mettere in pratica“, ad una “nuova alleanza” che “non è un ammodernamento di pratiche, di usanze, ma uno spirito nuovo: lo Spirito del Signore. Essendo nuovo lo spirito, il vino, deve essere nuovo anche l’otre, l’uomo“.

A concludere la tre giorni di Esercizi di fraternità presbiterale proposti dalla Cps è stato mons. Guglielmo Giombanco. Il vescovo di Patti, delegato CESi per il clero, ha ripercorso le diverse tappe dell’evento: tracciando un sorta di “cammino di fraternità” segnato dagli interventi dei diversi relatori, dalle testimonianze e da quando emerso nel corso di una sessione che era stata dedicata ad attività laboratorali, ha posto l’attenzione su comunità e comunione: “La comunità – ha detto – è il soggetto visibile di una realtà ecclesiale, ma non è detto che quando ci sia comunità ci sia anche comunione. La comunione è, infatti, ciò che abita la comunità e che la rende tale, che la rende credibile, che mantiene viva la tensione testimoniante della comunità. Perciò, come comunità presbiterale, siamo chiamati ad essere testimoni di comunione“.

 

DOCUMENTI

 

(Da www.chiesedisicilia.org)

Diretta su You tube, Facebook e sulle emittenti televisive

Lacrimazione Maria, il nunzio apostolico impone il Pallio

Si concludono domani le celebrazioni del 68mo anniversario della Lacrimazione della Madonna a Siracusa (29 agosto-1 settembre). Il Nunzio Apostolico in Italia, mons. Emil Paul Tscherrig, a nome di Papa Francesco, presiederà alle ore 19.00 la solenne celebrazione e imporrà all’arcivescovo mons. Francesco Lomanto il sacro Pallio, segno di particolare comunione col Sommo Pontefice. “Le Lacrime della Madonna sono prova del suo materno sostegno – ha detto mons. Francesco Lomanto -. Sentiamoci sostenuti dalla presenza materna di Maria. Le Lacrime della Madonna sono la preghiera che Ella rivolge a Dio a vantaggio di tutti i suoi figli. La Vergine Maria intercede per tutti noi presso Dio e piange partecipando alla sofferenza e alla speranza delle nostre lacrime. Papa Francesco più volte ha parlato del Pianto della Madonna sottolineando che le Lacrime della Madre generano speranza e vita nuova per i figli (cf. 4.1.2017). Accogliamo il monito materno della Madonna, sapendo che – nonostante le difficoltà, le paure e le incertezze della vita – non siamo abbandonati. Le Lacrime di Maria Santissima sono la prova tangibile che Dio si prende cura di noi”.

I festeggiamenti hanno preso il via domenica 22 quando è stato ripetuto il rito della Benedizione del Cotone. Poi da giorno 29 le messe del 68 Anniversario sono state celebrate sul sagrato della Cripta: da mons. Francesco Lomanto, Arcivescovo di Siracusa; ieri da mons. Salvatore Pappalardo, Arcivescovo Emerito di Siracusa; e stasera alle ore 19.00 presiederà mons. Alessandro Damiano, Arcivescovo di Agrigento.

Le lacrime di Maria manifestano la tenerezza materna, il sostegno nella prova e nella tribolazione, il sollievo nella fragilità; servono a scuoterci, a esortarci, a ridonarci speranza – ha detto mons. Lomanto -. Sono lì nel reliquiario per dirci e trasmetterci lʼamore di Dio attraverso Maria. Sono lì per intercedere per noi e impetrare le grazie di cui abbiamo bisogno. A voi, che camminate nella carità, auguro di mettere in pratica la parola di Dio, di insistere sulla vocazione alla santità come elemento fondamentale, originale e costitutivo dellʼidentità cristiana, della vita della Chiesa e della missione pastorale, per ricomporre il tessuto cristiano della società nella consapevolezza che la visione cristiana rivoluziona il modo di pensare, lʼuomo, la sua vita, le sue relazioni. Siate promotori di speranza, di gioia e di vita nel vostro cammino e nel vostro servizio. Pregate per la Chiesa e per il mondo, pregate per la nostra Chiesa siracusana e pregate per me. Grazie di cuore“.

L’Ufficio Comunicazioni sociali della Diocesi di Siracusa ha predisposto per domani, mercoledì 1 settembre, una diretta dal Santuario della Madonna delle Lacrime. La diretta, che andrà in onda sulla pagina You Tube dell’Arcidiocesi e sulle pagine facebook dell’Arcidiocesi di Siracusa e della Deputazione della Cappella di Santa Lucia, inizierà intorno alle 18.40. Alle 19.00 avrà inizio la celebrazione eucaristica. In studio Alessandro Ricupero e don Andrea Zappulla.
L’Ufficio comunicazioni sociali ringrazia tutte le emittenti televisive e quotidiani on line che trasmetteranno l’evento. Ed in particolare Video Regione (canale 16), Medical Excellence (canale 86), Teleuno Tris (canale 172), Video 66 (canale 286).

Al via l’anniversario della Lacrimazione di Maria

Al via le celebrazioni del 68mo anniversario della Lacrimazione della Madonna a Siracusa, meditando sulle parole di Papa Francesco: «Il Santuario è luogo di preghiera. Qui la Vergine Maria versa lacrime con chi piange».

I festeggiamenti prenderanno il via domenica 22 quando sarà ripetuto il rito della Benedizione del Cotone durante tutte le Sante Messe e avverrà la distribuzione a tutti i fedeli. L’anniversario culminerà con la celebrazione dell’1 settembre, quando il Nunzio Apostolico in Italia, mons. Emil Paul Tscherrig, a nome di Papa Francesco, presiederà la solenne celebrazione e imporrà all’arcivescovo mons. Francesco Lomanto il sacro Pallio, segno di particolare comunione col Sommo Pontefice.

Il tema dell’anniversario della Lacrimazione  è tratto dalle parole che il Santo Padre ha pronunciato in occasione del primo Convegno Internazionale per i Rettori e gli Operatori dei Santuari: «Il Santuario è luogo di preghiera. Qui la Vergine Maria versa lacrime con chi piange» (29.11.2018). Le Lacrime della Madonna – ha scritto l’arcivescovo Lomanto nel suo messaggio – sono la preghiera che Ella rivolge a Dio a vantaggio di tutti i suoi figli. La Vergine Maria intercede per tutti noi presso Dio e piange partecipando alla sofferenza e alla speranza delle nostre lacrime. Papa Francesco più volte ha parlato del Pianto della Madonna sottolineando che le Lacrime della Madre generano speranza e vita nuova per i figli (cf. 4.1.2017). Accogliamo il monito materno della Madonna, sapendo che – nonostante le difficoltà, le paure e le incertezze della vita – non siamo abbandonati. Le Lacrime di Maria Santissima sono la prova tangibile che Dio si prende cura di noi. Siano di sostegno per tutti le parole che Papa Francesco, consegnandomi il Pallio, ha donato alla nostra Chiesa: «Coraggio, la Madonna delle Lacrime ti custodisce» (29.6.2021)”.

Il programma si svolgerà nel rispetto delle norme anticovid.
Sabato 28 agosto, mons. Francesco Lomanto celebrerà una Santa Messa sul Sagrato della Cripta per tutti i fedeli e in particolare per le forze dell’Ordine Pubblico, il personale sanitario (medici ed infermieri) e per i volontari in ringraziamento del loro servizio e per invocare la protezione della Madonna della Lacrime.
Al termine della Santa Messa sarà celebrata la Lunga Notte del Santuario, animata dai Gruppi del Santuario con momenti di preghiera davanti al Quadretto miracoloso della Madonna delle Lacrime.

Dal 29 agosto all’1 settembre 2021, Santa Messa delle ore 8 all’aperto in via Carso, accanto all’abitazione dove nel 1953 pianse la Madonna (la Santa Messa del 31 agosto 2021 sarà trasmessa in diretta nazionale su RadioMaria).

Le Sante Messe pomeridiane del 68 Anniversario – come quelle dello scorso anno – saranno celebrate sul sagrato della Cripta:
– il 29 agosto, presiederà la Santa Messa S.E. Mons. Francesco Lomanto, Arcivescovo di Siracusa;
– il 30 agosto, presiederà la Santa Messa S.E. Mons. Salvatore Pappalardo, Arcivescovo Emerito di Siracusa;
– il 31 agosto, presiederà la Santa Messa S.E. Mons. Alessandro Damiano, Arcivescovo di Agrigento;
– l’1 settembre, presiederà la Santa Messa S.E. Mons. Emil Paul Tscherrig, Nunzio Apostolico del Santo Padre in Italia, che imporrà a Mons. Lomanto il Sacro Pallio, simbolo di un legame speciale con il Papa. Saranno presenti gli arcivescovi, i vescovi e i Presbiteri delle Chiese di Sicilia, i quali si incontreranno al Santuario della Madonna delle Lacrime dall’1 al 3 settembre per gli “Esercizi di fraternità presbiterale”.

Per tutto il periodo che va dal 1 giugno al 17 settembre – in seno all’iniziativa la “Notte dei Santuari”, dal tema “Ora Viene il Bello”, organizzato dall’Ufficio Nazionale per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo, Sport e Pellegrinaggi della CEI in collaborazione con i Santuari d’Italia – sarà possibile varcare la Porta Santa della Speranza ed ottenere i benefici dell’Indulgenza Plenaria.


Un testo dell'Ufficio per i Problemi sociali e il Lavoro, la Pace e la salvaguardia del Creato

Dai vescovi una preghiera per la Sicilia che brucia

I Vescovi delle diciotto diocesi di Sicilia chiedono a tutte le comunità di pregare all’unisono domenica 15, Solennità di Maria SS. Assunta, avendo davanti agli occhi gli incendi che da giorni interessano l’Isola e nel cuore le conseguenze – talvolta tragiche – che tali gesti sconsiderati hanno sulla popolazione e sull’ambiente.

L’Ufficio regionale per i Problemi sociali e il Lavoro, la Giustizia, la Pace e la Salvaguardia del Creato, del quale è delegato mons. Giuseppe Marciante, vescovo di Cefalù, ha predisposto un testo di preghiera dei fedeli che ha raggiunto tutte le parrocchie, le comunità religiose e i sacerdoti.

Si prega per “le popolazioni dilaniate dagli incendi e dai disastri ambientali“, “per quanti hanno subito danni a causa degli incendi” e si chiedono “programmi coraggiosi per la salvaguardia del creato” da un lato e “caparbietà” nell’affrontare il disagio e “speranza” nell’impegno per la ricostruzione dall’altro.

La Chiesa di Sicilia prega anche “per i piromani e quanti si macchiano dei delitti contro il creato e l’umanità: la bellezza della vergine Maria, splendore della santa città di Dio – si legge nella preghiera dei fedeli –, li inquieti e li strugga perché si pentano del male commesso e si convertano a una vita vera secondo il Vangelo“.

 

Ecco di seguito il testo di preghiera dei fedeli, scaricabile anche in formato pdf.

ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Fratelli e Sorelle, nella celebrazione odierna splende la luce dellaPasqua: Maria, immacolata nella sua concezione e intatta nel partodivino, è assunta in cielo in corpo e anima. Sia lei, arca della nuovaalleanza e donna vestita di sole, a sostenere la nostra supplica.

R/. Rinnova la nostra speranza, Signore.

Per la santa Chiesa pellegrina nel tempo:
sostenuta dalla Vergine Maria assunta in cielo,
possa condurre tutti a contemplare la luce del volto di Dio. Preghiamo. R/.

Per le popolazioni dilaniate dagli incendi e dai disastri ambientali:
sotto lo sguardo di Maria, Donna vestita di sole,
la comunità civile promuova la cultura dell’ecologia integrale,
programmi coraggiosi per la salvaguardia del creato. Preghiamo. R/.

Per quanti hanno subìto danni a causa degli incendi:
uniti alla Vergine Madre, consolatrice degli afflitti,
affrontino con caparbietà il disagio
e s’impegnino con speranza alla ricostruzione. Preghiamo. R/.

Per i piromani e quanti si macchiano dei delitti contro il creato e l’umanità:
la bellezza della vergine Maria, splendore della santa città di Dio,
li inquieti e li strugga perché si pentano del male commesso
e si convertano a una vita vera secondo il Vangelo. Preghiamo. R/.

Per noi qui riuniti nella celebrazione della Pasqua di Maria:
la sua materna intercessione ci faccia crescere nella fede battesimale,
ci renda credibili nella speranza pasquale,
ci sospinga nella carità operosa. Preghiamo. R/.

Accogli, o Padre la Preghiera del tuo popolo,
e fa’ che, contemplando il mistero di Maria,
associata in corpo e anima alla Pasqua del tuo Figlio,
riconosciamo in ogni persona la tua immagine
e il riflesso della tua gloria.Per Cristo nostro Signore.

R/. Amen

Incontro di fraternità sacerdotale al Santuario della Madonna delle Lacrime

“Assidui nell’unione fraterna”

Dal 1 al 3 settembre si terrà al Santuario della Madonna delle Lacrime a Siracusa un incontro di fraternità sacerdotale per tutti i sacerdoti delle Chiese di Sicilia sul tema “Il presbiterio profezia di fraternità”.

Nell’ambito dell’iniziativa della commissione presbiterale siciliana sarà celebrata anche la XXIX Giornata sacerdotale mariana.

Il tema scelto per queste giornate – ha spiegato l’arcivescovo mons. Francesco Lomanto -. prende spunto dal primo sommario degli Atti degli Apostoli che, raccontando i primi passi della Chiesa Apostolica, ci offre l’ideale della vita della Chiesa: «Erano perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere» (At 2,42). Come San Paolo anche noi trascorreremo tre giorni a Siracusa in semplicità di spirito per condividere la gioia di stare insieme e di essere sacerdoti del Signore, non come isole di un grande arcipelago, ma come fratelli che condividono la stessa fede in Dio, l’amore alla Chiesa e alla Madonna. Il nostro stare insieme, nella comunione del Signore e nella fraternità sacerdotale è profezia, testimonianza di fraternità e partecipazione alla preghiera di Gesù che pregando il Padre consegna il suo testamento di amore: «Tutti siano una cosa sola. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato» (Gv 17,21).

E’ per me motivo di gioia potervi accogliere a Siracusa, dove la Madonna ha donato alla Chiesa l’inesauribile segno delle sue Lacrime. Proprio in quei giorni sarà possibile venerare da vicino il quadretto miracoloso della Madonna delle Lacrime attraverso una pedana appositamente preparata. Mi piace concludere questa mia lettera con le stesse parole che Papa Francesco ha donato a me a Roma lo scorso 29 giugno: «Coraggio, la Madonna delle Lacrime ci custodisce».

L’arcivescovo ha invitato tutti i sacerdoti alla partecipazione come “segno di accoglienza verso i presbiteri delle Chiese siciliane“.

Il programma prevede mercoledì 1 settembre la preghiera d’inizio presieduta da mons. Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania e presidente della Conferenza Episcopale Siciliana. Dopo il saluto di don Giuseppe Argento, segretario della commissione presbiterale siciliana, l’intervento di mons. Giancarlo Bregantini, Arcivescovo di Campobasso Boiano su “Il fondamento della fraternità”. Alle 19 la celebrazione eucaristica presieduta da mons. Emil Paul Tscherrig, nunzio apostolico in Italia e concelebrata dai vescovi di Sicilia.

Giovedì 2 concelebrazione eucaristica presieduta da mons. Guglielmo Giombanco, vescovo di Patti e delegato CESi per il clero. Seguirà l’intervento di fra Giovanni Salonia, dell’Istituto Gestalt therapy Kairos. I vespri saranno presieduti da mons. Giuseppe La Placa, vescovo di Ragusa.

Venerdì 3 la celebrazione eucaristica sarà presieduta da mons. Francesco Lomanto. Seguiranno gli interventi di mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone e della prof.ssa Ina Siviglia, docente di teologia sistematica alla Pontificia facoltà teologica di Sicilia. Le conclusioni saranno di mons. Guglielmo Giombanco, vescovo di Patti.

 

 

 

 

 

Per iscriversi agli “Esercizi di fraternità presbiterale” occorre compilare in ogni sua parte la scheda in allegato e inviarla all’indirizzo email segreteriapastorale@chiesedisicilia.org. Chi partecipa da residente deve allegare anche copia del versamento, mentre i pendolari potranno versare la semplice quota di adesione direttamente a Siracusa.
Un altro modo per iscriversi è farlo direttamente dal web, compilando un apposito modulo direttamente online.
È possibile anche inserire direttamente copia del versamento.
https://forms.gle/awH7ifGEZfKdSRht6

Entrambe le modalità sono indicate anche sul sito, dove l’evento è anche presentato.
https://www.chiesedisicilia.org/2021/07/30/esercizi-di-fraternita-presbiterale-tre-giorni-attorno-alla-madonna-delle-lacrime/


Esposizione straordinaria del simulacro di Santa Lucia

Apertura della nicchia che custodisce il simulacro di Santa Lucia nella chiesa Cattedrale domenica 8, dalle ore 7.30 sino al termine della messa delle ore 19.00. Una scelta della Deputazione della Cappella di Santa Lucia che ha già visto un’esposizione straordinaria a luglio nel segno della tradizione: nei mesi estivi il simulacro di Santa Lucia viene esposto per consentire ai fedeli, soprattutto a coloro che ritornano a Siracusa, di rivolgere un saluto ed una preghiera alla patrona.

Le messe saranno celebrate alle 8.00, alle 11,30, alle 19.00.

La Deputazione, guidata dal presidente Pucci Piccione, ha disposto una serie di linee guida ed un piano di evacuazione nel rispetto delle normative covid 19. L’apertura e la chiusura della nicchia avverrà a porte aperte e con l’obbligo della mascherina. La visita al Simulacro sarà effettuata attraverso un percorso obbligato secondo le disposizioni anticovid. All’ingresso ed all’uscita ci sarà materiale igienizzante e i fedeli dovranno indossare la mascherina all’interno della Cattedrale. Saranno presenti i volontari per verificare l’osservanza delle disposizioni.
La Deputazione ha deciso che l’esposizione straordinaria si ripeterà domenica 12 settembre.
L’apertura della nicchia sarà visibile in streaming sulla pagina Facebook della Deputazione.
“Già nell’esposizione a luglio – ha detto il presidente della Deputazione della Cappella di Santa Lucia, l’avv. Pucci Piccione -. abbiamo riscontrato l’affetto da parte di tanti fedeli. Le celebrazioni eucaristiche sono state molto partecipare e tantissimi pellegrini sono entrati nella cappella per una preghiera alla martire siracusana“.