Archivi della categoria: Diocesi news

Quel miqweh a San Filippo apostolo da scoprire

“L’iscrizione ebraica ritrovata e il tipo di struttura ci portano alla conclusione che il luogo che si trova sotto la chiesa di San Filippo apostolo è un miqweh”. Il prof. Yonatan Adler, docente di archeologia della Ariel University di Gerusalemme insieme alla dottoressa Nadia Zeldes della Ben Gurion university del Negev hanno effettuato studi scientifici sui miqwot ed in particolare su quelli di Siracusa. La conclusione alla quale sono giunti è che il luogo che si trova sotto la chiesa di San Filippo Apostolo, nel rione della Giudecca, il quartiere ebraico del centro storico di Ortigia è un miqweh. 

“L’ipotesi scientifica è stata presentata nel corso di una conferenza promossa dall’Istituto superiore di Scienze Religiose San Metodio e patrocinata dal Comune di Siracusa” ha spiegato don Salvatore Spataro, direttore dell’Istituto superiore di scienze religiose San Metodio. “Come Istituto facciamo cultura ed oggi avremo una riflessione su una probabile presenza di un nucleo credenti di origine ebraica nella nostra città”. Secondo il prof. Salvatore Sparatore, docente di Storia della Chiesa, moderatore dell’incontro, si tratta di “un contributo culturale fondamentale per la nostra città. Adler è un archeologo che ha dedicato gran parte dei suoi studi ai miqweh che insistono in varie nazioni europee e ci consegna un’ipotesi storico archeologica”.

La dottoressa Nadia Zeldes ha studiato il contesto storico e le fonti che esistono ed è possibile “spiegare l’esistenza di un nucleo di ebrei a Siracusa: poteva essere una struttura ebraica e la chiesa è stata costruita successivamente dopo l’espulsione degli ebrei. Alcuni si domandano perché c’è bisogno di un altro miqweh: io ritengo non funzionassero insieme ma in periodi diversi. Secondo l’analisi questo miqweh non è realmente finito, non è completa la struttura. Per qualche ragione si sono fermati ed una delle spiegazioni può essere l’espulsione degli ebrei: furono cacciati dalla Spagna nel 1391 e buona parte di essi emigrarono in Sicilia e tra le città dove vi fu una colonia c’era certamente Siracusa. Nel 1492 gli ebrei furono costretti a lasciare l’isola, per cui è presumibilmente che in questo arco temporale possa essere stato edificato il miqweh che però forse non fu portato a termine”.

Il prof. Adler ha ricordato i suoi studi, anche quelli rabbini, e quelli relativi ai miqweh: “In Israele ne conosciamo circa mille e alcuni risalgono al medioevo. La struttura che si trova sotto la chiesa di san Filippo apostolo sembra un miqweh medievale: la recente scoperta di una iscrizione in lingua ebraica è una prova importante nella ricostruzione della storia del miqweh”. Adler è arrivato la prima volta a Siracusa nel febbraio 2018: “Volevo vedere tutte le strutture considerate miqweh da parte di altri. Lo studioso del XVIII sec, Giuseppe Capodieci, identifica tre miqweh a Siracusa: quelli di Casa bianca sono stati identificati recentemente, quelli di san Filippo hanno una ubicazione certa. Sul terzo ci sono dubbi. Sono venuto a Siracusa per studiare queste strutture e capire quali siano bagni ebraici. Mi ha molto colpito questa iscrizione in ebraico che si trova sulla parete vicino alla scala e mi ha colpito che questa struttura somiglia a quelle che abbiamo in tutta Europa. Prima non avevano prove che potessero suffragare le teorie del Capodieci. Adesso abbiamo una prova archeologica chiara e in sito che fa un collegamento fra la struttura e la comunità ebraica”.

XXX anniversario della morte dell’arcivescovo mons. Calogero Lauricella

Giovedì 20 ricorre il XXX anniversario della morte di mons. Calogero
Lauricella, Arcivescovo metropolita di Siracusa dal 1973 al 1989.
La Chiesa siracusana si radunerà nella Cripta della Basilica Santuario Madonna delle Lacrime, dove è seppellito mons. Lauricella, per celebrare una messa in suo suffragio. Quest’anno – ricorrendo tra l’altro il centenario della sua nascita (20 febbraio 1919) – alle ore 18,30, mons. Giovanni Accolla, Arcivescovo di Messina, terrà una commemorazione a cui seguirà, alle ore 19, la concelebrazione eucaristica, presieduta da mons. Salvatore Pappalardo, Arcivescovo di Siracusa.
Nel discorso che pronunciò in occasione della paraliturgia tenutasi a Siracusa il 23 gennaio 1975 – scrive mons. Sebastiano Amenta, vicario generale dell’Arcidiocesi – alla presenza del Segretario del Santo e Grande Concilio della Chiesa Ortodossa, Damaskinos di Tranoupolis, disse: «La cristianità divisa è una ferita aperta al Corpo di Cristo. Essa deve guarire […] a causa di Cristo e della sua verità, per realizzare quel desiderio che egli ha espresso nella sua ultima preghiera che tutti siano una sola cosa». 
Gli ultimi anni della sua vita furono segnati dalla sofferenza causata da una grave malattia che sopportò nell’unione con le sofferenze di Cristo e nell’offerta a Lui. Prima di chiudere gli occhi su questa terra, ebbe la gioia di avviare i lavori di costruzione del tempio superiore del Santuario della Madonna delle Lacrime
“.


Mons. Calogero Lauricella con Papa San Giovanni XXIII

Biografia di Mons. Calogero Lauricella
Mons. Lauricella, nato a Ravanusa il 20 febbraio 1919, fu nominato arcivescovo di Siracusa l’8 settembre 1973, facendo l’ingresso nella Chiesa siracusana il successivo 27 ottobre. Morì il 20 giugno 1989. Il suo motto episcopale Unus panis, unum corpus, multi sumus evidenzia il suo anelito umano e spirituale fondato sulla comunione.
Profondamente legato all’evento prodigioso della Lacrimazione di Maria a Siracusa, promosse due Settimane di Studi Mariani e nonostante la malattia – che contrassegnò gli ultimi anni del suo pellegrinaggio terreno – nel 1987 diede l’avviò alla ripresa dei lavori di costruzione del Santuario della Madonna delle Lacrime, di cui ancora esisteva solo la Cripta.

Alla scoperta del Miqweh di San Filippo Apostolo

Lunedì 17, alle ore 10.30, nel salone dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “San Metodio” (via della Conciliazione 6, Siracusa) avrà luogo la conferenza stampa per presentare gli studi sul miqweh della chiesa di San Filippo Apostolo a Siracusa. Parteciperanno il direttore dell’ISSR San Metodio, don Salvatore Spataro, il professor Yonatan Adler della Ariel  University di Gerusalemme e la dottoressa Nadia Zeldes della Ben Gurion University del Negev che presenterannoil loro studio scientifico e storico sul Bagno rituale che si trova nel quartiere della Giudecca nel centro storico di Ortigia.
Adler e Zeldes saranno protagonisti nel pomeriggio di lunedì, alle ore 18.30, nel salone “Paolo Borsellino” di Palazzo Vermexio, di un convegno scientifico promosso dall’ISSR San Metodio epatrocinato dal Comune di Siracusa, nel corso del quale spiegheranno il risultato dei loro studi. L’incontro sarà moderato dal prof. Salvatore Sparatore, docente di Storia della Chiesa.

“Outside the wall” al San Metodio

L’evento Outside the wall, sabato 15 alle 20.30 al Cortile San Metodio,  conclude l’anno accademico 2018/19 dell’ISSR San Metodio dedicato al tema pensare il limite.

The Wall è un concept album dei Pink Floyd, che nasce in un momento e in condizioni del tutto particolari nella loro storia. Pubblicato quarant’anni fa (1979), il disco ha avuto da subito una risonanza internazionale: racconta la dinamica della costruzione nociva di un muro e suggerisce qualche possibile via di liberazione dalle carceri che ciascuno si costruisce più o meno consapevolmente. Outside the wall è l’occasione per riflettere, profittando della musica e delle parole di un’opera straordinaria. 

Si tratta di un lavoro a dieci mani: idea di Nisi Candido, regia di Mariangela Maresca, performance artistica di Fausto Migneco, immagini di Loredana Pitruzzello e video di Fabio Fortuna. Il cortile del San Metodio si riempirà di parole musica immagini per andare al di là del muro.
L’ingresso è libero.

Trattamento dei dati personali

Si terrà venerdì 14 giugno l’annuale corso di aggiornamento del Presbiterio. L’incontro si terrà alla Villa del Seminario a Canicattini Bagni con mons. Giuseppe Baturi, Sottosegretario della Conferenza Episcopale Italiana, che svilupperà il tema “Trattamento dei dati personali, tutela della privacy
ed enti ecclesiastici: indicazioni operative”. Il via ai lavori è previsto per le ore 9,30. La conclusione, con una breve pausa alle ore 13, è prevista per le ore 17.00.

Giornata sacerdotale regionale mariana

Sarà il santuario mariano di Santa Maria della Stella, a Militello in Val di Catania, territorio di Catania e diocesi di Caltagirone, ad ospitare la Giornata sacerdotale regionale mariana del 2019. L’evento, organizzato dalla Commissione presbiterale siciliana per martedì 11 giugno, è occasione di incontro, riflessione e preghiera per tutti i sacerdoti impegnati nelle diciotto diocesi dell’Isola.

Il Santuario, che è patrimonio Unesco, è stato scelto perché “si ricordano i 50 anni della sua erezione. Dal punto di vista artistico – si legge nel pieghevole che annuncia la Giornata – è una perla del barocco siciliano, costruito dopo il terremoto del 1693 che ha devastato tutta la Sicilia della valle di Noto”.

Il programma prevede l’arrivo e l’accoglienza dei presbiteri partecipanti alle ore 9.15, presso il Palazzo municipale, ex Monastero dei Benedettini. Fino alle 11 sarà possibile la visita guidata della Città.Alle 11.15 avrà inizio il pellegrinaggio verso il Santuario, dove sarà concelebrata la messa.

Insieme al presbiterio e a tutta la Chiesa calatina, ho la gioia di accogliervi nella nostra diocesi sotto la sguardo di Maria Madre di Dio e Madre nostra. Il titolo di Santa Maria della Stella – scrive mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone, ai confratelli presbiteri di Sicilia – evoca il posto che la Vergine Maria occupa nella storia della salvezza e, dunque, nella nostra esperienza di fede. A lei vogliamo guardare come stella nella notte del male e del peccato, come stella del mare nella grande traversata della vita verso l’altra riva, come stella del mattino che annuncia, quale aurora della salvezza, l’arrivo di Gesù Cristo, sole che sorge dall’alto per illuminare ogni uomo che viene in questo mondo“.

(cfr sito internet della C.E.Sihttp://www.chiesedisicilia.org/chiesedisicilia/2019/05/28/giornata-sacerdotale-regionale-mariana/)

Lo sguardo verso l’altro

Si intitola “Lo sguardo verso l’altro” l’incontro che avrà luogo sabato 8 dalle ore 9.30 nel salone “Paolo VI” della parrocchia SS. Salvatore in via Necropoli Grotticelle a Siracusa.
Ad aprire i lavori sarà suor Terezinha Santin. La preghiera d’apertura sul tema dell’accoglienza è stata affidata ai ragazzi della 5D dell’Istituto comprensivo “Brancati” di Belvedere. Interverrà Santino Tornesi, direttore dell’Ufficio Migrantes della diocesi di Messina che presenterà il Dossier statistico immigrazione; Francesco Mudanò, responsabile Ufficio immigrazione Caritas Siracusa, che si soffermerà su un’analisi del territorio e le azioni di accoglienza ed integrazione in Diocesi. Infine Federica Nazzarro della Ong “Azione per un mondo unito” parlerà di “Fare sistema oltre l’accoglienza”.
L’appuntamento si inserisce nell’ambito del ciclo di incontro sul tema della cultura dell’accoglienza “Ero forestiero e mi avete accolto” (Mt 25,35) promosso nell’ambito delle attività della missione Scalabriniana in collaborazione con l’Ufficio pastorale delle Comunicazioni sociali e della cultura dell’Arcidiocesi e con la Caritas diocesana e l’Ufficio Migrantes dell’Arcidiocesi.


Giornata diocesana Ministri Straordinari della Comunione

Domenica 2 giugno si svolgerà l’annuale giornata diocesana dei ministri straordinari della Comunione nella cripta della Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime. Il programma prevede alle 9.30 la celebrazione dell’ora media e la meditazione di don Luca Gallina, parroco della comunità Sant’Antonio – Chiesa Madre di Francofonte e direttore dell’Ufficio catechistico diocesano, sul tema “Beati quelli che sono nel pianto perché saranno consolati”. L’Eucarestia fonte di consolazione per la nostra sofferenza. Seguirà l’adorazione eucaristica silenziosa. E alle ore 11.30 celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo mons. Salvatore Pappalardo e conferimento del mandato ai nuovi ministri straordinari della Comunione.

Tirocini nelle aziende per sedici ragazzi

Un accordo per garantire a 16 ragazzi la possibilità di svolgere i tirocini formativi presso le aziende aretusee. Un modello coerente, solidale ed etico di sviluppo cercando di formare dei ragazzi e dare loro la possibilità di farsi conoscere dalle aziende. L’iniziativa di Confcommercio Siracusa, Caritas Diocesana, Ordine dei Consulenti del lavoro e Centro per l’Impiego che hanno sottoscritto un accordo: Caritas garantirà a 16 ragazzi un rimborso spese di 500 euro al mese, per sei mesi, per approcciarsi al mondo del lavoro con uno strumento formativo direttamente nelle imprese strutturate.

“Vogliamo costruire una realtà professionale imperniata sull’etica del lavoro – ha affermato padre Marco Tarascio, direttore della Caritas – poiché sia i ragazzi sia le aziende devono rispettare ciò che è bene per l’altro, solo così possiamo migliorare tutto il contesto in cui viviamo”.

Confcommercio, accreditata come agenzia per il lavoro, selezionerà le aziende secondo i profili richiesti e svilupperà il piano formativo oltre agli adempimenti burocratici del progetto, mentre i consulenti del lavoro organizzeranno gli adempienti telematici per la costituzione del rapporto formativo e di tirocinio. Tutto sarà sotto il controllo del Centro per l’Impiego.

Noi siamo da anni impegnati a costruire la comunità del fare e questo progetto è per noi un modo per dare un segnale importante al nostro territorio – ha sottolineato Elio Piscitello, presidente Confcommercio -. Dimostriamo che quando le forze positive e produttive del territorio si mettono insieme, sanno costruire in tempi rapidi risposte adeguate alle esigenze dell’intero territorio“. I tirocini da giugno a dicembre, con l’obiettivo di commutarsi in assunzioni. “Abbiamo sempre sostenuto queste attività di tirocinio – ha dichiarato Antonio Butera, presidente dell’Ordine dei Consulenti del lavoro – per consentire ai giovani di conoscere le imprese e al contempo farsi conoscere“.
Il direttore del Centro per l’Impiego,  Alberto Alessandra, ha garantito il monitoraggio: “Oggi sono sempre meno le opportunità di lavoro per i giovani delle nostre terre, ma sono convinto che un giovane che vale troverà sempre il modo di farsi apprezzare dalle aziende“.

Laboratorio musicale con il maestro Fermalvento

L’Ufficio liturgico diocesano, settore musica e canto, a conclusione del percorso di formazione, invita gli operatori liturgico musicali della diocesi (direttori di coro, cantori, musicisti, semplici appassionati), a un incontro di laboratorio per sabato 25 tenuto dal M Carlo Fermalvento, autore di musica liturgica, organista, maestro di cappella della Cattedrale di San Miniato (PI).
Il tema formativo che sarà proposto è Cantare l’Eucaristia e si focalizzerà nel fornire gli strumenti adeguati per il canto dei diversi momenti rituali della celebrazione della Messa.
L’incontro comincerà alle ore 16,00 presso la parrocchia Maria Santissima del Carmelo a Floridia e si concluderà alle ore 19,00 con la celebrazione eucaristica sostenuta dal canto dai partecipanti.